domenica 24 febbraio 2013

Le battaglie della vita

Ho rubato questa immagine da facebook, mi ha molto colpita questa frase, perchè è profondamente vera.
Chi combatte rischia di perdere...
...VERO!
E combattere ti espone a rischi, puoi essere ferito, puoi venire colpito alle spalle, puoi soccombere. Eppure, c'è un altro rischio che spesso non viene considerato, puoi vincere.
E avvolte non subito, avvolte ci vuole tempo, pazienza, dolore, ma alla fine, puoi vincere. E quando succede, può avvenire anche, che i ns. sogni si realizzino, e lì, è un rischio. Avvolte passiamo così tanto tempo in battaglia da non accorgerci di aver perso di vista ciò per cui stavamo combattendo.
Questo mi ricorda, un'altra frase che ho letto in un libro molto tempo fa. "Stai attento a ciò che desideri, perchè potrebbe realizzarsi".
Avvolte lottiamo così tanto per le cose che vogliamo, per le cose in cui crediamo, che rischiamo di farle diventare fissazioni, ossessioni...
...ed invece avvolte ci accorgiamo quando sono diventati realtà che non erano come ce li eravamo immaginati.
A nessuno di voi, è mai capitato di idealizzare i propri sogni?
A nessuno di voi, è mai capitato che la battaglia, fosse ancora più bella dell'obiettivo prefissato?
Ma avvolte dopo un combattimento ci ritroviamo con l'oggetto della propria battaglia, con i ns. sogni, finalmente veri, e anche se c'è voluto tempo e fatica, ci rendiamo conto che ne è proprio valsa la pena!
Ma chi non combatte? Chi rinuncia? Chi crede sempre di non essere all'altezza, chi pensa di non farcela senza nemmeno provarci? Sono vigliacchi.
Sarò forse impietosa, sarò forse spietata, ma credo profondamente, che vivere richiede coraggio. Che vivere spesso vuol dire mettersi in discussione, rimettersi in gioco, dover fare rinunce, doversi esporre e correre dei rischi.
Io credo fortemente che, la vita sia imprevedibile, e spesso per fortuna, ha molta più fantasia di noi.
Ma come chi combatte, avvolte, deve raggiungere un armistizio, deve concedersi una tregua, o arrendersi ad una battaglia che provoca solo dolore e solo strazio, chi non combatte, non saprà mai cosa vuol dire conquistare, guadagnarsi, realizzare i propri sogni.
Chi non combatte, non conoscerà mai il sapore della vittoria.
Nella mia vita, ho sempre combattuto tante battaglie.
Avvolte le ho vinte, avvolte le ho perse.
Ho iniziato a combattere fin da piccola, quando ho dovuto e voluto, far valere le mie idee, le mie opinioni.
Sono una combattente, è vero.
Eppure avvolte anche i combattenti si stancano.
Anche i combattenti, vogliono scrollarsi di dosso la polvere dei campi di battaglia, curarsi le ferite, ed aspettare.
Perchè so che i sogni possono realizzarsi, e che tutte le battaglie, anche le più sanguinarie hanno una fine. E il sapore della vittoria, è più dolce del miele.

giovedì 14 febbraio 2013

Anonimo

Questo post, ha senso probabilmente per una persona, quella che commenta in forma anonima.
Per errore, ho cancellato l'ennesimo commento critico e me ne scuso, non intendevo farlo. Accetto qualsiasi commento, meno, accetto, che si giudichi il mio essere
Mi si può dire in un post sull'amore che siano solo parole, belle parole, ma non che se io fossi stata sincera ce ne sarebbero volute meno.
Perchè, nell'esatto momento in cui io scrivo un post, sono del tutto sincera, apro la mia anima e la metto totalmente in comunicazione con il mondo che leggerà quelle stesse parole.
Inoltre, quel post, era stato dedicato, preso ed inspirato, da una mia cara amica, quindi, chi doveva essere sincero?
Insomma, credo che la critica a priori, sia sbagliata; credo che se qualcuno voglia discutere dei propri fatti, debba farlo privatamente e non pubblicamente; credo che, se qualcuno pensi solo a come fare commenti distruttivi, non troverà terreno fertile.
Inoltre, penso fortemente una cosa, se parliamo di sincerità. Chi si veste dello scudo della sincerità e critica sempre gli altri, spesso è proprio la persona più ipocrita e sommersa che esista. E chi non ha fatto male, non è capace di vedere il male, negli altri.
Se io non conosco il colore fucsia, quando lo vedrò per caso indossato da qualcuno, penserò che è un rosa scuro, non andrò certo ad indagare per sapere che colore è!!!
Dopo questa meravigliosa lezione di sartoria applicata ai colori, saluto e ringrazio, tutti quelli che giornalmente commentano i miei post, con critica e gentilezza.

venerdì 8 febbraio 2013

L'amore non basta

Come vedete dalla foto (si, sono io, una volta tanto), che non è certo una delle migliori, mi piace da pazzi il mare e spesso, passeggio sulla riva, ascoltando il rumore delle onde che si infrangono, e penso, rifletto, spesso proprio sulle cose importanti della vita, sulle cose che penso, su un problema che mi assilla in quel momento.
Come ho detto poco tempo fa, in un altro post, il mare ha un effetto terapeutico su di me.
In questo momento, vedo intorno a me, fin troppo spesso, persone che soffrono per amore. Anzi, a dire il vero, la cosa più triste che vedo, non è la mancanza di sentimento, perchè quello innegabilmente è la fine, ma invece, tutta una serie di cose, che alla fine ti fanno dire che, l'amore non basta.
Non basta quando ci si mette l'orgoglio, quando ci si mette la rabbia, quando ci si mette il principio.
Quante scelte sbagliate abbiamo fatto, per principio?
Chi di noi, non l'ha fatto?
Eppure, poi, si rimane delusi, si perde la stima, non si riesce più a guardare il futuro.
Avvolte è proprio questo il punto.
Se si perde la stima, il rispetto, di una persona, non c'è amore che possa ricostruirla.
Si vede la vita ed il futuro in maniera del tutto disincantata, troppo realisticamente, come se non ci fosse più speranza, come se tutto fosse già scritto.
E' triste.
Ci dovrebbe essere sempre posto per i sogni.
Bisogna sempre ricordarsi che per fortuna, la vita, ha più fantasia di noi.
Ho vissuto una cosa simile in passato e sono stata più fortunata, perchè sono riuscita a trovare qualcosa oltre l'amore.
Perchè in realtà, abbiamo la convinzione, che l'amore basti.
Invece non è così, l'amore non basta. Non basta a stare insieme, non basta a costruire un rapporto, non basta a rispettarsi, a capirsi, ad accettarsi.
Sono tutte cose totalmente indispensabili se si vuole percorrere insieme una strada.
Se si vuole anche solo, procedere parallelamente nell'impervia strada della vita.
Vedo troppa rabbia dentro gli altri.
Vedo troppa sofferenza o all'opposto, solo incapacità di volere.
Vedo uomini e donne, che non si sanno schiodare dalla loro realtà, anche se ormai la tollerano a malapena.
Vedo troppe donne, elemosinare amore, là dove chiaramente non esiste più, ed accontentarsi delle briciole cadute dal tavolo di altri. Sapendo di cosa si accontentano. Sapendo di farlo.
E' questo che è più triste...
Donne, vittime di loro stesse.
Uomini, incapaci di dare, incapaci di essere.
Perchè essere, vuol dire lottare.
Per lottare bisogna avere coraggio.
Per amare veramente, bisogna avere coraggio.
Per vivere davvero - e non per sopravvivere - bisogna avere coraggio.
E stimo fortemente, chi, si prende una pausa, vera, e riflette.
Riflette sulle proprie scelte, sui propri sentimenti, sul proprio modo di volere la vita.
E sul compagno/a che li accompagna nel difficoltoso e coraggioso cammino della vita.
Bisogna scegliere con chi essere felici, e con chi essere tristi.
Solo se coincidono allora, è la persona giusta.
Ma per essere la persona perfetta, deve essere la persona giusta per annoiarsi, per affrontare la monotonia e viverla un pò meno monotonamente.
Perchè infondo l'amore cos'è?
E' un sentimento meraviglioso, forte, intenso, dolcissimo e struggente!
Ma non può tutto.
Ci vuole testa e cuore per andare avanti, per essere coppia.
Altrimenti si diventa solo coinquilini che si sopportano a mala pena, o che si sopportano anche, ma non hanno più nulla da dirsi.
Ammiro chi, ha il coraggio di credere ancora nell'amore. Chi ha il coraggio di reinventarsi e di dire NO, quando ciò che viviamo non ci piace.
La vita è una sola, perchè sprecarla invano?
L'amore non basta è vero.
Ma l'amore sta ovunque. Nello sguardo e nei sorrisi dei bambini, nel tramonto intenso del sole, in un gatto che ci fa le fusa, in un cane che scondinzola, nell'abbraccio di un genitore, nella mano sulla spalla di un amico.
L'amore è vita e sta intorno a noi.
La vita richiede coraggio, lotta.
Lottiamo con coraggio allora ed amiamo, forte, intensamente, smisuratamente.
Ma abbiamo anche il coraggio di fermarci.
Questa sera, queste parole che sto scrivendo come un fiume in piena, me l'ha ispirate sempre la stessa amica di qualche articolo fa, Lazzara, ormai amo chiamarla così.
Volevo dirle, che la delusione avvolte logora l'anima, che la tristezza inonda gli occhi, che le lacrime forse, non hanno un fondo e nemmeno misura.
Ma volevo anche dirle, che il sole, pian piano, torna a splendere e quando succederà, qualunque cosa accada, sarà più forte e vero che mai.
Volevo dirle, di crederci sempre, perchè forse non possiamo idealizzare l'amore, ma il grande amore, quello vero, non si rinnega e sa fare anche i miracoli.
Auguro a tutti noi, che la vita ci dia sempre, tanto tanto amore. In ogni forma possibile.